“Narrato a mano” è stato il primo laboratorio creativo organizzato da Lucca Creative Hub, tenuto lo scorso ottobre nelle cucine di Villa Bottini dall’artista Emanuela Baldi.

Nei quattro giorni di incontri, le partecipanti – tutte donne tra i 16 e i 60 anni – hanno condiviso un percorso che le ha condotte verso una maggiore consapevolezza di sé e della propria sfera emotiva. Il vissuto di ciascuna, tradotto in gestualità, ha preso forma in un tappeto, espressione simbolica di emozioni ed esperienze, intreccio unico di individualità armonizzate nel collettivo.

Durante il primo weekend, attraverso questionari e momenti di riflessione personale e condivisa, le partecipanti al laboratorio hanno ripercorso il proprio vissuto per identificare momenti di significato, hanno imparato a fidarsi – degli altri e del proprio sentire – e ad assecondare le proprie emozioni, traducendole in immagini, parole e colori. Un’occasione unica in cui anche le generazioni più giovani hanno potuto attingere al passato delle più anziane, in un clima di scambio e confronto che ha azzerato le differenze anagrafiche, impegnando ciascuna nell’ascolto attento e accurato delle altrui testimonianze.

Singolare e plurale, individuo e ambiente, personale e collettivo, dentro e fuori, intelletto e corpo sono confluiti nella trama del tappeto che ha preso forma durante il secondo weekend di lavoro e che farà bella mostra di sé nella futura Manifattura della Cultura. Un’esplosione di colore che ben riflette l’eterogeneità delle individualità che gli hanno dato corpo.

In tutto questo, Lucca ha giocato un ruolo importante: la città e gli interni di villa Bottini sono stati non solo lo scenario in cui tutto ha preso forma, ma anche un interlocutore importante per calare ciascuna individualità nel luogo e nella storia che ci accomunano, per esplorare insieme il mondo a cui apparteniamo e capire le sue connessioni con il nostro mondo personale, interiore e culturale.

Il laboratorio ha dato l’occasione alle partecipanti di concedersi il tempo dilatato della riflessione, dell’introspezione, ma anche del ritmo ritrovato dell’attività manuale, del fare concreto delle dita che intrecciano il tessuto, della creazione tangibile della trama del tappeto.

Emanuela Baldi. Artista che considera l’arte uno strumento per promuovere lo sviluppo e la trasformazione sociale, valorizza le differenze e facilita lo scambio cross-culturale. Utilizza la creatività manuale per valorizzare l’espressione del singolo nel collettivo.

Autrice: Valentina Giunchi – Lab di Comunicazione di #luchub

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *